Curiosità

Fatti o stereotipi?

Mi sono sempre chiesta se chi come me, ogni volta che va in un posto o comunque, un altro paese, noti i diversi atteggiamenti della popolazione ospitante. Da buona italiana mi sono sempre interrogata sul perché io muova tanto le mani mentre parli, o perché faccia uso del famoso gesto del “che vuoi” per esprimere un concetto. E poi, come dimenticare la ricorrente domanda che mi viene fatta: “mi insegni a cucinare la pizza o la carbonara?”

Detto ciò, con questo articolo voglio invece sottolineare gli aspetti che mi hanno colpita dal mio arrivo nei Paesi Bassi. Ad agosto, in occasione dell’inizio del mio percorso di studi, è stata la mia prima volta che sono venuta in questo nuovo paese.

Ciò che mi aspettavo, per come mi era stato descritto da amici, era di arrivare in una cittadina come Amsterdam e marijuana in vendita ovunque. Gli olandesi del nord, però, tendono a sottolineare come a loro infastidisca che vengano tutti catalogati come consumatori di marijuana e che tutte le città siano confusionarie come Amsterdam.

Come non parlare del fatto che gli olandesi siano freddi e diretti. Per me è questo è stato di forte impatto.
Io ragazza del sud, sempre alla ricerca del calore umano, dell’abbraccio, della costante risata, ho notato subito la differenza. Con il passare del tempo, ci si abitua anche; gli olandesi non sono freddi perché non gli sei simpatico, ma hanno altre vie attraverso le quali esprimono le loro emozioni.
Il fatto di essere diretti è forse la cosa che spiazza di più l’italiano; noi siamo spesso abituati a cercare di non ferire la persona che abbiamo di fronte e comunque cerchiamo di gestire qualsiasi situazione con delicatezza, magari girandoci attorno; ecco, gli olandesi sono l’esatto contrario.
Bisogna abituarcisi, non lo fanno con cattiveria.

Un’ altra cosa di cui vorrei parlarvi e solitamente non se ne discute sul web, è l’uso spropositato di deodorante per le ascelle! Quante estati, ma anche quanti inverni ho trascorso in Puglia circondata dal comune mal odore ascellare (per non chiamarlo odore di cipolla)? Bene, con gli olandesi non si corre questo rischio; a portata di mano, nel loro zaino c’è sempre l’immancabile deodorante. Come dice il detto: “Due spruzzate al giorno, toglie il medico di torno”. Il deodorante è una sicurezza, oltre che un metodo per combattere l’ansia o una possibile ascella pezzata.

Parlando di altro, è ben noto come chiunque arrivato nei Paesi Bassi venga circondato da un odore o profumo inconfondibile, a seconda del proprio gusto, dei formaggi. Gli olandesi sono fieri del loro formaggio e infatti si può vedere quotidianamente: la fetta pane rigorosamente integrale è accompagnata solo da fette di formaggio, che sia lo snack del mattino, pranzo o snack del pomeriggio, dato che la cena è l’unico momento della giornata dove si concedono un pasto caldo. Questo è stato spesso e lo è tutt’ora motivo di confronto con i miei colleghi olandesi dato che mi è impossibile concepire come una fetta di pane e formaggio riesca a riempire lo stomaco (specialmente durante il periodo degli esami).  Loro d’altra parte non riescono a capire il mio costante bisogno della pasta a pranzo.

Nonostante ciò è difficile determinare se questi siano fatti o solo stereotipi, ma se c’è qualcosa che ho imparato in questi anni è che il mondo è bello perché vario, quindi anche i Paesi Bassi per ora sono riusciti a stupirmi, insegandomi cose interessanti ogni giorno.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out /  Change )

Google photo

You are commenting using your Google account. Log Out /  Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out /  Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out /  Change )

Connecting to %s